Firenze, Mercoledì 16 Agosto 2017
Viola Planet
ChatViola
Username
Password
Registrati | Entra in Chat
ViolaPlanet.com

Mar 6, 2015 ore 00:44:07
Che Fiorentina: mentalità e personalità al potere
di redazione violaplanet
La Fiorentina di Salah (e del gruppo), ha battuto la Juventus allo Juvenus Stadium per 2-1. Una doppietta dell'egiziano ha lasciato il segno ed ha permesso ai viola di fare sua la semifinale di andata di Coppa Italia. In pratica, la Fiorentina ha messo una seria ipoteca sul passaggio del turno.. anche se la Juventus resta una squadra temibile e c'è pur sempre da giocare la partita di ritorno, al Franchi, il 7 aprile prossimo. Sta di fatto che la Fiorentina di Montella ha fatto un qualcosa di strepitoso. Nelle ultime tre partite contro Tottenham, Inter e Juventus, ha ottenuto tre successi. Clamorosi. Belli. Convincenti. Tre successi del gruppo, della squadra. Dove è emerso il singolo (Salah), ma dove ha sofferto il gruppo, al fine di poter raggiungere l'obiettivo finale. Insieme. Che Fiorentina, quella di Montella! Con la vittoria di questa sera a Torino contro la Juve ha toccato quota 13 risultati utili consecutivi e, come se non bastasse, ha festeggiato (insieme ai 2000 tifosi viola presenti allo Stadium) il 35° successo in trasferta su 65 partite, da quando c'è Montella. Meglio di così, si muore. Se a questo, vogliamo aggiungerci, che la Juventus non perdeva in casa da un'italiana dal 6 gennaio del 2013, quando fu la Samp ha fare il 'miracolo' e portar via la posta piena da Torino... beh... che dire ancora? Semplicemente che la Fiorentina è matura. E' una squadra unita, compatta. E' una squadra che ha mentalità vincente e personalità da vendere... E' una squadra che si meriterebbe, ora più che mai, di alzare un trofeo. Eh già... un trofeo.


Tutte le altre Editoriale

 16/12/12 - Dubbio in porta
 02/12/12 - Segui la diretta
 11/11/12 - Toni favorito

Avanti
Fattoria di Rimezzano

Cerca Esclusive



 


Testata Giornalistica  ---  Autorizzazione Tribunale n° 5551 del 29 Gennaio 2007
Direttore Responsabile: Andrea Ganugi